Sei in: Home  > Estate  > Cosa fare  > Trekking/Running  > Palaronda Trek

Dolomiti Palaronda Trek


Alla scoperta dell’Altopiano delle Pale di San Martino


Hai mai provato l’emozionante esperienza di un trekking itinerante sulle Dolomiti? Hai mai dormito con i tuoi compagni di viaggio nella camerata di un rifugio alpino? Vivi la magica atmosfera del pernotto in rifugio alpino e lasciati stupire dal fascino dell’Altopiano delle Pale di San Martino, misterioso tavolato di pietra sospeso ad oltre 2.500 metri d’altezza, cinquanta kmq di nuda roccia tormentati come l’oceano in tempesta.

I tour proposti, nella versione “soft” (solo trekking) e “hard” (con ferrate) si basano su un circuito di 4/6 giorni su sentieri ben indicati, con pernottamento nella calda atmosfera dei rifugi alpini. 
I percorsi si affrontano in autonomia (senza l’accompagnamento di guida – disponibile solo su richiesta e con relativo supplemento). E’ indispensabile inoltre essere adeguatamente equipaggiati ed allenati.



Proposta Trekking da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino - 4 giorni/3 notti (17.06-17.09/2017) - Da 150,00 € a persona


  • 1. giorno (San Martino di Castrozza – Rif. Rosetta) - 4h dislivello in salita (1.100 mt). Arrivo a San Martino di Castrozza presso la partenza degli impianti Colverde-Rosetta. Seguendo il sentiero 701 si sale all’altopiano delle Pale al rifugio Rosetta (o con gli impianti Colverde – Rosetta). Dalla stazione di arrivo della funivia Rosetta possibilità di proseguire con una facile camminata (0,20 h) fino a Cima Rosetta (2743mt) per godere di uno splendido panorama su San Martino di Castrozza, Passo Rolle e le valli di Primiero e Vanoi. Cena e pernottamento presso il rifugio alpino Rosetta (mt 2581).

 

  • 2. giorno (Rif. Rosetta–ghiacciaio della Fradusta–rif. Pradidali) - 3h dislivello in salita (300 mt). Colazione. Dal Rifugio Pedrotti alla Rosetta lungo il sentiero 709 ci si porta in due ore alla base del ghiacciaio della Fradusta. Salendo lo spallone di sinistra, si raggiunge in un’ora circa la splendida e panoramica Cima (m. 2939) situata proprio nel cuore delle Pale di San Martino. Tornati alla base del ghiacciaio e superato il vicino Passo di Pradidali Basso, si scende nella spettacolare conca dell’alta Val Pradidali fino all’omonimo Rifugio. Cena e pernottamento presso il rifugio alpino Pradidali (mt 2278).

 

  • 3. giorno (Rif. Pradidali – Rif. Treviso/Canali) - 5h dislivello in salita (300 mt – in discesa 1.100 mt). Colazione. Dal Rifugio Pradidali lungo il sentiero 709 si scende in Val Pradidali, attraverso un sentiero panoramico che si snoda tra impressionanti pareti verticali, si arriva alla magnifica Val Canali, dove è possibile ammirare la bellezza di Cima Canali, le mille guglie del Cimerlo e l’imponente torrione del Sass Maor. Si piega poi a sinistra in direzione di Malga Pradidali (ruderi) e Malga Canali attraverso un fitto bosco di abeti e larici e verdi prati, proprio nel cuore del Parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino. In breve tempo attraverso il sentiero n. 707 si raggiunge il rifugio Canali-Treviso (mt 1631), situato proprio di fronte al Sass d’Ortiga. Cena e pernottamento presso il rifugio alpino Canali-Treviso (mt. 1631).

 

  • 4. giorno – (Rif. Treviso/Canali – Rif. Rosetta – San Martino di Castrozza) - 7 h dislivello in salita (1.100 mt). Colazione. Per completare l’esplorazione dell’Altopiano, si risale lungo il sentiero n. 707 l’ampio vallone del “Coro”, giungendo al Passo Canali (2 h/2h 30m) e in breve tempo all’orlo orientale dell’Altipiano dove la vista spazia a 360° sulle Dolomiti. Con altre 2h 30m di cammino lungo il sentiero n. 707 si raggiunge il Rifugio Rosetta. Discesa verso San Martino di Castrozza con gli impianti Colverde- Rosetta e rientro al punto di partenza.


Trekking da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino - 6 giorni/5 notti (17.06-17.09/2017) - Da 230,00 € a persona

 

  • 1° Giorno: (San Martino di Castrozza – Rifugio Pradidali) - Da San Martino di Castrozza ci si porta nella suggestiva zona dell’altopiano delle Pale servendosi degli impianti di risalita Colverde – Rosetta, da dove lungo i sentieri 702 e 715 si raggiunge il Rifugio Pradidali attraverso la bellissima Val di Roda in circa h 2,30. Cena e pernottamento al Rifugio Pradidali.

     
  • 2° Giorno: (Rifugio Pradidali – Rifugio Velo della Madonna) - Dal Rifugio Pradidali vi sono due possibilità per raggiungere il Rifugio Velo della Madonna. Percorrere la via ferrata del Porton e del Velo molto attrezzate e piuttosto esposte che attraversano ripide pareti e profonde valli (h 4.00/5.00). Percorrere il sentiero attrezzato Nico Gusella più semplice con la possibilità di salire sulla Cima Val di Roda e poi la ferrata del Velo difficoltà media (h.5.00/6.00). Cena e pernottamento al rifugio del Velo.

     
  • 3° Giorno: (Rifugio Velo della Madonna – Rifugio Canali – Treviso) - Dal Rifugio Velo attraverso il bellissimo sentiero attrezzato del Cacciatore che corre alla base della suggestiva parete del Sass Maor attraversando ripidi pendii erbosi si scende in Val Pradidali da dove su facile sentiero immerso nel bosco si raggiunge il rifugio Treviso (h.5.00/ 6.00). Cena e pernottamento al Rifugio Treviso.

     
  • 4° Giorno: (dal Rifugio Treviso al Rifugio Rosetta – SAT) - Dal Rifugio Treviso lungo il sentiero 707 si raggiunge il Passo Canali e quindi il bordo orientale dell’altopiano, sempre lungo il sentiero 707 si arriva in prossimità del ghiacciaio Fradusta (possibilità di salire Cima Fradusta, (mt. 2939, h.1.30) quindi al Rifugio Rosetta (SAT), (h.6.00 ). In serata dal Rifugio Rosetta (SAT) possibilità di ammirare il tramonto sulla Cima. Cena e pernottamento al Rifugio Rosetta (SAT).

     
  • 5° Giorno: (Rifugio Rosetta – Rifugio Mulaz) – Dal rifugio Rosetta si segue il sentiero n. 703 "delle Farangole" fino al "pian dei Cantoni" 2300 m. passando a est del massiccio del Cimon della Pala 3184 m. e della cima Vezzana 3192 m. con alcuni tratti attrezzati si passa la val delle Galline per proseguire sempre in attraversata, sovrastando la val delle Comelle, si incontra la traccia che sale a sinistra la val Strutt al bivacco Brunner 2750 m. Lasciata la traccia a sinistra si prosegue entrando nel circo della cima di Valgrande 3038 m. passando sotto alla torcia di Valgrande si risale un ripido canale attrezzato che porta al passo delle Farangole 2814 m. sovrastato a destra dal campanile di Focobon 2969 m e a sinistra dalla torre Viennese 2900 m. Dal passo si scende verso destra alla forcella Margherita 2655 m. e da qui in breve al rifugio Mulaz 2571m. Cena e pernottamento in rifugio.

     
  • 6° Giorno: (Rifugio Mulaz – Passo Rolle/San Martino di Castrozza) - Dal rifugio Mulaz si risale al passo del Mulaz 2610 m. per poi scendere verso la val Venegia con sentiero n. 710 "Quinto Scalet" poco prima  del passo è possibile e consigliato salire alla cima del Mulaz 2906 m. ottimo punto panoramico, la salita richiede 45 min. facile.
    Dal passo del Mulaz si cala verso la val Venegia, il sentiero sovrastato dal campanile di Valgrande 2995 m. cima di Valgrande 3038 m. cima dei Bureloni 3130 m. si arriva al campigol della Vezzana, sotto l'omonima cima e alle sorgenti del Travignolo da qui si risale verso la baita Segantini 2170 m. ove è possibile scendere a passo Rolle con servizio di noleggio con conducente a chiamata. Da Passo Rolle é possibile scendere a piedi seguendo la vecchia pista da sci fino a villa Pisoni e da qui lungo sentiero fino a San Martino, oppure con mezzi pubblici o Taxi. Un'altra opzione molto interessante è scendere ai Laghi di Colbricon e da qui raggiungere San Martino.














San Martino Azienda per il Turismo San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi
San Martino di Castrozza • Via Passo Rolle 165, 38054 • TN Trentino, Italia • P.I. 01904620224
Credits | Sitemap | Privacy policy
Dolomiti Unesco

SAN MARTINO DI CASTROZZA
+39 0439 768867
dal Lunedì al Sabato
9.00 - 12.30 e 15.30 - 18.30
Domenica e festivi 
9.30 - 12.30 e 15.30 - 18.30

FIERA DI PRIMIERO
+39 0439 62407
dal Lunedì al Sabato
9.00 - 12.30 e 15.30 - 18.30
Domenica e festivi
9.30 - 12.30

CANAL SAN BOVO
+39 0439 719041
dal Lunedì al Sabato
9.00 - 12.00 e 15.00 – 17.00
Domenica e festivi
CHIUSO