Il Lagorai e cima d’Asta

la catena del Lagorai

Di fronte alle pallide pareti delle Pale di San Martino, si stagliano le rocce porfiriche del Lagorai e quelle granitiche di Cima d’Asta. La catena montuosa è lunga circa 70 chilometri e da Passo Rolle attraversa il Vanoi e la Valsugana arrivando al monte Calisio nei pressi di Trento. Sono luoghi pochissimo antropizzati, con mete sia per gli escursionisti medi sia per i grandi camminatori. Gli accessi sono da Passo Rolle, San Martino di Castrozza o dalla Valle del Vanoi: le cime Cavallazza e Colbricon, le forcelle Ceremana, Cigolera e Valzanchetta, il lago di Calaita, le malghe Folga e Grugola. Il Lagorai è il luogo ideale anche per le uscite in mtb, a cavallo seguendo l’ippovia del Trentino orientale e in inverno per escursioni con gli sci d’alpinismo o le craspe. Lagorai deriva da laghi, ed infatti sono innumerevoli lungo tutta la catena formatisi all’ultimo ritiro dei ghiacci diecimila anni fa.
Questi luoghi sono stati teatro di combattimenti durante la Grande Guerra, testimoni i molti proiettili, elmetti, medaglie e effetti personali dei soldati che sono stati rinvenuti dai "Recuperanti". Questo paesaggio alpino è ancora integro, modificato solo moderatamente dalle attività umane legate all’esbosco e all’alpeggio: ecco che è più facile imbattersi in mucche, cavalli, asini o pecore piuttosto che in abitanti o escursionisti.

webcam
booking
discover smart
social
gallery